Intossicato entusiasmo

1775. Città di Yuriria, stato di Guanajuato (Messico centrale), villaggio di San Pablo de Yuririapúndaro. Villaggio che è sotto la tutela dei monaci agostiniani, luogo di fedeli, almeno a prima vista. Un decreto del vescovo proibisce balli e celebrazioni, su istanza del nuovo parroco, stupito fino all’orrore per la forma che avevano preso, da tempo immemore, i festeggiamenti per l’Immacolata Concezione. Cosa succedeva? L’immagine della Vergine veniva trasportata dalla sua sede abituale, la cappella dell’ospedale, in tutti i villaggi e le fattorie della zona. Il viaggio della sacra immagine poteva durare fino a quindici giorni ed era accompagnato da processioni notturne illuminate con moltitudini di candele e danze che proseguivano per tutta la notte. La popolarità della devozione era tale che arrivavano fedeli da luoghi lontani, non tutti mossi da buone intenzioni, dato che il parroco denunciava come i festeggiamenti fossero occasione di violenze contro le donne, adulteri e licenziosità. Il tutto condito da libagioni etiliche assai abbondanti. Un “intossicato entusiasmo”, viene definito dallo storico David a Brading l’atteggiamento dei devoti.

Il parroco chiede che siano tolti di mezzo i luoghi in cui si vendono cibi e bevande, noi li chiameremmo chioschi, apparsi nelle piazze come funghi dopo la pioggia. Le indigene di Cuitzeo (città ubicata al nord dello stato di Michoacán) in particolare si ubriacavano volentieri di charape, un fermentato del cactus trattato con zucchero di canna. Il parroco (non c´è il suo nome, purtroppo), racconta al vescovo di aver cercato di arrestare, quantomeno limitare, gli eccessi, ma nessuno lo ascolta. Regna la disobbedienza, lamenta; davanti a lui tutti fanno buon viso, ma poi non smettono affatto di bere e danzare. Per di più, delle elemosine raccolte, solo un quarto arriva davvero alla parrocchia. E il resto? Svanisce nello spirito, quello alcolico però.

Risultato? Il governatore si lamentò per il provvedimento del vescovo, affermando che una lunga tradizione non poteva essere levata di mezzo così, con un decreto. Lasciateci festeggiare, con il nostro intossicato entusiasmo.

sanpablo

La storia, raccontata da David A. Brading in La Nueva España (Patria y religión) è tratta da documenti conservati nell’Archivio Generale delle Indie di Siviglia.

Advertisements

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s